Mamme fumatrici: bimbi a rischio di problemi cardiaci

Da uno studio svolto dall’associazione americana IANS (International Association for New Science) è stato riscontrato, nei bambini nati da mamme fumatrici durante la gravidanza, un basso livello di HDL (Lipoproteine ad alta densità), meglio conosciuto come “colesterolo buono”, il quale protegge, nel corso della vita, dalle malattie cardiache. All’età di 8 anni, i bambini nati da mamme fumatrici hanno livelli di HDL intorno a 1.3 mmol/L contro un normale più alto livello di 1.5 mmol/L per bambini nati da mamme non fumatrici.fumo-grav

Questi risultati non sono stati riscontrati nei bambini esposti al fumo di sigaretta dopo la nascita, il che ci suggerisce che l’esposizione al fumo in epoca prenatale ha un impatto maggiore per il successivo sviluppo di queste patologie, come riporta lo European Heart Journal. “I nostri studi hanno evidenziato che il fumo materno lascia al bambino una serie di malsane caratteristiche che si sviluppano già nel grembo materno e che predispongono il bambino a possibili futuri attacchi di cuore o ictus ”dice il Prof. David Celermajer, specializzato in Cardiologia. “questi segni sembrano durare fino agli 8 anni di età e probabilmente possono perdurare anche più a lungo” aggiunge Celermajer, il quale ha diretto questi studi insieme alla sua equipe presso l’Università di Sidney. Celermajer e i suoi collaboratori hanno esaminato gli effetti del fumo materno in gravidanza sullo spessore delle pareti arteriose e il livello di HLD in 405 bambini sani di 8 anni nati tra il 1997 e il 1999 ed hanno constatato che diminuiti livelli di colesterolo buono HDL a questa età possono portare serie conseguenze sulla salute nel corso della vita.

 

Lascia un commento