L’antibiotico ai bambini: quando è giusto darlo

antibiotico bambini quandoAntibiotico…una parola che a un genitore, soprattutto di un bambino piccolo, desta spesso preoccupazioni e dubbi. Ma cos’è l’antibiotico? E quando è giusto darlo?

La prima cosa da sapere se si pensa a un antibiotico è che questo tipo di cura non può essere assolutamente una cura “fai da te”, ma deve esserci necessariamente un consulto e una prescrizione medica. Questo perché l’antibiotico risulta efficace solo in caso di infezione batterica, nel caso si tratti di infezione da parte di virus, l’uso dell’antibiotico sarebbe inutile e potenzialmente dannoso, perché non cura l’infezione batterica e nello stesso tempo non dà modo a questa di sopraggiungere in un organismo già debilitato da un virus.
Per questo è importante non solo che sia il medico a prescriverlo, ma anche che prima della prescrizione venga fatta un’attenta analisi delle condizioni del bambino. Dunque, NO a prescrizioni telefoniche o a decisioni da parte dei famigliari.

Solitamente si attendono 48-72 ore dall’inizio della malattia prima di iniziare la somministrazione antibiotica, questo perché nei casi meno gravi, la patologia tende a migliorare spontaneamente; nel caso in cui non si hanno miglioramenti si dovrà informare il medico e procedere con una terapia antibiotica.
L’abuso di antibiotici in un breve periodo di tempo non è mai la soluzione migliore, questo perché un antibiotico prescritto e somministrato senza criterio e in quantità eccessive, nel tempo permette all’organismo di sviluppare delle resistenze che renderanno il debellare della malattia ancora più difficile.

Non esiste per contro un massimo numero di volte in cui un bambino può prendere l’antibiotico in un breve periodo di tempo, poiché se c’è una reale necessità non vi sono limiti. Se però risulta spesso necessario l’uso di antibiotici per infezioni batteriche ricorrenti, sarebbe bene scoprire la causa delle infezioni stesse mediante esami diagnostici più approfonditi, come esami del sangue o esami radiologici mirati.

 

Lascia un commento