Gatti e bambini: tutto ciò che dovremmo sapere!

Per molti genitori, l’idea di bambini e gatti insieme è assolutamente naturale. Per altri genitori, però, è un pensiero terrificante che potrebbe portare il gatto di famiglia a un biglietto di sola andata per il gattile locale o scaricandolo a casa di amici e parenti. Beh, non pensateci nemmeno! Non solo sarebbe sbagliato sotto ogni punto di vista, ma è del tutto inutile dal momento in cui basta prendere poche precauzioni prima di far diventare “i piccoli di casa” amici per la pelle!

Bambini e gatti possono essere meravigliosi compagni di gioco l’uno per l’altro.

Come con qualsiasi animale da compagnia presente nella nostra famiglia, è fondamentale usare un po’ di buon senso, armarsi di pazienza e creare un ambiente che offra sicurezza a tutti. Questo non è solo per i gatti: si applica a qualsiasi animale da compagnia che porti in casa dove hai anche dei bambini.

Gatti e bambini: la guida completa

Per iniziare, ecco ciò che ogni genitore dovrebbe sapere quando si tratta di gatti e bambini che vivono insieme.

Non sbarazziamoci del micio!

Sorpresa? Non esserlo, perché molti genitori in attesa si fanno prendere dal panico dell’avere una lettiera in casa durante la gravidanza, dopo che i loro medici hanno sostenuto che se una donna incinta tocca le feci di gatto danneggerà il feto.

Ecco la verità: c’è una malattia chiamata toxoplasmosi, causata dal parassita toxoplasma gondii, che può causare anormalità della nascita nel feto. Quasi tutti gli animali a sangue caldo, compresi gli umani, sono suscettibili a questo parassita comune, ma i gatti sono i principali portatori del virus e liberano le oocisti attraverso le loro feci. Inoltre, il rischio di toxoplasmosi è in realtà maggiore per il trattamento improprio della carne cruda o utilizzando lo stesso tagliere che si utilizza per il taglio di carne per verdure / frutta. Il modo migliore per prevenire la toxoplasmosi è educare tutti i membri della famiglia a lavarsi le mani e ad usare le cure adeguate in cucina e quando si pulisce la lettiera. Infatti, la toxoplasmosi nei bambini può essere davvero una gatta difficile da pelare, per restare in tema!

Ma allora, cosa fare per prevenirla e non dire addio al nostro micio?

  • Innanzitutto, durante la gravidanza è meglio far sì che ad occuparsi della lettiera del gatto sia qualcuno al di fuori della donna incinta.
  • Controllate la lettiera: le feci secche sono più inclini a sviluppare il virus, dunque sarà meglio controllare quando il nostro amico peloso utilizzerà la lettiera e pulirla subito!
  • Una cara vecchia visita dal veterinario! Con tutte le analisi possibili, sarà facile capire se il nostro gattino è in salute, incrementando la sicurezza per noi e per lui.
  • Tenete il micio in casa, anche se avete il giardino. Infatti stando a contatto con l’esterno – e magari con altri gatti randagi – il nostro gatto può infettarsi, dunqueè meglio se per un po’ rimarrà a casa coccolato dai suoi genitori umani!
  • Ultima cosa, ma non meno importante: lavate spesso le mani, spazzolate il micio e tenete la casa (e la lettiera) quanto più puliti possibile. L’igiene in questi casi è la parola d’ordine!

Prepara il micio!

Se stai aspettando un bambino e hai già un gatto, ci sono molte cose che puoi fare per aiutarti a prepararlo in anticipo per questo importante cambiamento di vita.

Prepara il tuo gatto iniziando a preparare l’ambiente per il bimbo in anticipo così puoi farlo abituare gradualmente. Mantieni il tuo gatto a proprio agio con il suono e le attrezzature per il bambino che generano movimento facendoli uscire molto prima che il bambino arrivi. Puoi anche dedicare del tempo a sessioni di gioco interattivo nelle stanze in cui sono presenti oggetti che potrebbero causare preoccupazione al tuo gatto, come ad esempio un sonaglietto o un giochino che suona.

La futura madre può iniziare a indossare polvere per bambini e lozione per aiutare il gatto a familiarizzare con il profumo del bimbo che arriverà.

In più, ricordiamoci di avere un angolo in casa specificamente pensato per il nostro gatto, dove possa avere tutti i suoi giochi a disposizione, dove possa arrampicarsi liberamente e giocare senza ledere alla salute del nostro bambino, man mano che i due crescono insieme!

Supervisione di un adulto!

La sicurezza non è mai troppa. Anche dopo aver preso tutte le dovute precauzioni, facciamo attenzione quando il nostro bambino ed il nostro gatto giocano assieme, perché entrambi potrebbero far mano l’uno all’altro! Perciò, almeno finché il nostro bimbo non sarà abbastanza grande da poter giocare da solo, rimaniamo assieme ai nostri figlioletti, umani ed animali!

 

Lascia un commento