Il carattere del neonato è ereditario?

Il carattere del neonato è ereditario?Tutti i bambini nascono con determinati tratti caratteriali, di personalità, e sono proprio questi a determinare la volontà del piccolo nel ridere o piangere di fronte al cambiamento, la perseveranza nel continuare a provare quando è frustrato. Ma questi tratti, o meglio, il carattere del neonato è ereditario?

Il carattere del neonato è ereditario solo in parte. L’altra metà dell’equazione è il risultato della sua unicità in quanto essere umano e in quanto frutto di un’educazione ricevuta. I ricercatori ritengono che ogni bambino inizia la vita con una serie ereditaria di nove tratti di personalità. La combinazione specifica che viene fornita da essi lo posiziona in una delle tre categorie: facile, lento a scaldarsi e impegnativo.

Ma non fuori di testa! Anche se non è possibile modificare la personalità innata del bambino più di quanto sia possibile modificare le fastidiose abitudini del coniuge (anche se questo non ci impedisce di amarlo!), potete aiutarlo a realizzare il suo pieno potenziale, fornendogli l’opportunità di sperimentare e scoprire ciò che meglio gli si addice.

Ma quando riuscirete a sapere che cosa gli piace? Alcuni tratti sono evidenti quasi dalla nascita; altri risulteranno evidenti dai 3 o 4 mesi. E sicuramente si evolveranno, aumentando o diminuendo in intensità. Per esempio, il suo livello di frustrazione basso può migliorare man mano che guadagna la fiducia nelle sue capacità o il suo desiderio di attività può ridursi un po’ man mano che la sua capacità di prestare attenzione cresce. Anche i tratti più impegnativi possono diventare meno problematici non appena un bambino impara a far fronte agli alti e bassi della vita e capisce che cosa lo rende felice – in congiunzione con il vostro sostegno e la vostra guida, naturalmente.

Nel frattempo, dopo aver capito che il carattere del neonato è ereditario in parte, ecco come riconoscere alcuni dei suoi tratti e portare fuori il suo meglio.

1) Livello di attività

Che cosa cercare:

Il vostro bambino di solito sembra contento di guardare il mondo dal suo seggiolino? O il cambio del pannolino si trasforma in un incontro di wrestling?

Come trattarlo: Se il piccolo possiede un livello di attività basso, non si può decidere di sopraffarlo con troppo gioco fisico. Invece, optate per un po’ di stimoli, come una barra di attività appesa sul passeggino – per mantenere alta la sua motivazione.

Il bambino molto attivo, invece, ha una elevata tolleranza per la stimolazione. Potrebbe camminare prima di altri bambini. Il rovescio della medaglia: È necessario essere vigili sulla sicurezza perché è più probabile che tali bambini tendano a mettersi nei guai.

2) Regolarità

Che cosa cercare: Il vostro bambino sembra dormire, mangiare, e anche fare la cacca come un orologio? Oppure sfida ogni vostro tentativo di imporgli una routine?

Come affrontare la cosa: Per un bambino che vive su un programma, la struttura della giornata deve ruotare attorno alle sue abitudini per quanto possibile, per ora – il suo senso di sicurezza dipende da ciò. Quando diventerà un po’ più grande, sarà in grado di tollerare l’occasionale mancato pisolino.

Se il piccolo invece, è imprevedibile, cercate di non essere troppo rigidi o diverrete entrambi pazzi. Non attaccatevi ossessivamente alla routine, ma cercate di mantenere degli elementi stabili all’interno dello stesso giorno. Ad esempio cambiarlo sullo stesso fasciatoio, ecc.

3) Socialità

Che cosa cercare: Il vostro bambino sorride a quasi tutti coloro che lo sollevano, non importa quanto bruscamente? O sembra reagire con ansia allo straniero, resistendo anche ai progressi della nonna affettuosa?

Come trattarlo: Se il piccolo dispone di un’indole sociale, offritegli tante opportunità per interagire con gli altri – entrate in un gruppo di gioco, andate al parco, e portatelo con voi quando eseguite delle commissioni.

Di contro, non forzate il bambino timido in situazioni non familiari. Rispettate il suo bisogno di intimità fino a quando non segnala di essere pronto ad interagire.

 

One Response

  1. Avatar aliko 24 Giugno 2015

Lascia un commento