A che ora devono dormire i bambini?

Tutti sappiamo che i bambini,  soprattutto quelli più piccoli, dovrebbero andare a letto presto, e questo per il loro benessere e per il loro sviluppo. Ma spesso non sappiamo con esattezza quanto e a che ora devono dormire i bambini. E appena diventano un po’ più grandini la questione diventa spesso il centro di lunghe discussioni e contrattazioni tra genitori e figli. Quando per i primi è ormai l’ora della nanna, per i secondi non lo è (quasi) mai. 

Per risolvere la questione, vogliamo darvi tutte le risposte alle vostre domande sugli orari di sonno dei più piccoli. Come potete facilmente capre, questi dipendono molto dalla loro età.

Quanto devono dormire i bambini?

  • Da 0 a 3 mesi

A quell’età i neonati dormono tra le 10 e le 18 ore al giorno, con una media di 16 ore. Il sonno può svolgersi sia per molte ore di seguito (per i genitori più fortunati) e sia per brevissimi tratti anche di 10 o 20 minuti alla volta. Questo è causato in parte dal fatto che il bambino non fa ancora la differenza tra il giorno e la notte. Gli unici parametri che interferiscono nel suo sonno sono i suoi propri bisogni fisiologici come bere e mangiare, che lo svegliano in media ogni 2 o 3 ore.

  • Dai 4 ai 9 mesi

A partire dal quarto mese le esigenze dei bambini in materia di sonno iniziano a cambiare piano piano, anche se continuano a dormire in media tra le 12 e le 14 ore al giorno. Il sonno notturno si fa più completo rispetto a prima. I risvegli diventano più legati all’ansia e alla paura del buio e della separazione.

A partire dai 6 mesi nella maggior parte dei casi il ritmo sonno veglia è piuttosto ben definito e i pisolini pomeridiani si riducono in genere da 3 a 2.

  • Dai 10 mesi alla preadolescenza

Una volta entrati nel loro decimo mese di vita, la maggior parte dei bambini tendono a fare delle nottate intere senza risvegli, nemmeno per mangiare. Il totale complessivo delle ore di sonno si aggira ormai intorno alle 12 ore quotidiane con massimo due pisolini durante il giorno.

  • Dai 12 anni in su

Quando l’adolescenza comincia ad avvicinarsi, il ritmo del sonno diventa all’incirca quello degli adulti e 8-9 ore per notte diventano normalmente sufficienti. 

Ma a che ora devono dormire i bambini?

Abbiamo visto nel dettaglio il fabbisogno di sonno per i bambini a seconda della loro età, tuttavia resta da sapere come regolarsi con l’orario della nanna.

In genere, per una buona igiene di vita si consiglia di abituare i bambini fino alla preadolescenza e che sono in età scolare, ad andare a dormire tra le ore 20:30 e le ore 21:00, per un risveglio alle 7:00 il giorno dopo. 

Dai 12 anni in poi, come abbiamo già detto, il corpo richiede ancora meno ore di sonno e lo stress legato ai grandi cambiamenti della vita del bambino, come il rientro a scuola e la separazione dai genitori, è minore. Si può quindi  consentire loro di stare svegli fino alle 22:00, magari per vedere un film tutti insieme o giocare un’oretta in più con i loro giochi preferiti.

Bisogna sempre garantire ai bambini un numero di ore di sonno che copra almeno i loro bisogni minimi fisiologici e preferibilmente un pochino di più, in modo che abbiano dei risvegli facili e tutta l’energia e la concentrazione necessarie per le loro giornate.

L’ambiente giusto per aiutare i bambini a dormire meglio

Se vogliamo che i nostri bambini vadano a letto presto e che possano riposare tutta la notte, allora bisogna fare in modo che il loro ambiente di riposo sia adeguato, tenendo in considerazione alcuni elementi importanti come:

  • Una  bella camera

La decorazione della loro cameretta è un fattore importantissimo per il buon sonno dei bambini. Avere una camera di cui le pareti sono dipinte con colori vivaci, i mobili sono colorati, i loro giocattoli preferiti sono a portata di mano e a terra c’è un bel tappeto da gioco, crea nei più piccoli una sensazione di sicurezza, di serenità e di felicità che li aiuta a dormire soli.  Anche la temperatura è importante: tenerla tra i 18° ed i 24° gli garantirà un sonno ottimale.

  • Un buon materasso

Altro elemento da prendere in considerazione per regalare un buon sonno ai vostri figli è la scelta del materasso. Un materasso per bambini deve essere confortevole, non troppo angusto per accogliere i loro movimenti e la loro crescita, e non deve tenere troppo caldo dato che questo è uno dei fattori che turbano di più il loro sonno (e anche quello degli adulti). In rete potete trovare un’ampia scelta di materassi per i più piccoli, di tutti i tipi e di tutte le dimensioni, a prezzi davvero interessanti. 

Rendete le notti dei vostri piccoli davvero riposanti, facendoli dormire una quantità sufficiente di ore in una cameretta che sia davvero a misura delle loro esigenze. 

 

Lascia un commento